Chiesa di Sant’Antonio Abate con campanile a Ferrara in via Saraceno 58 Ferrara

di | 29 Marzo 2021

Procedura NEGOZIATA per l’affidamento dei lavori di “Riparazione danni e miglioramento sismico della Chiesa di Sant’Antonio Abate con campanile a Ferrara in via Saraceno 58”

CIG: 87017238FA – CUP: B72C12000170009

ATTENZIONE: Il codice CIG corretto della procedura di gara è il seguente: 87017238FA

Amministrazione aggiudicatrice: Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio C.F./P.IVA 93009040382 – Corso Martiri della Libertà n. 77 – 44121 Ferrara

L’affidamento dei lavori in oggetto è stato disposto con determina a contrarre dell’Arcidiocesi di Ferrara – Comacchio n. FE072 in data 18 settembre 2019, e avverrà, ai sensi dell’art. 9 della Legge n°164/2014 mediante procedura NEGOZIATA, essendo l’importo lavori compreso nella soglia comunitaria e trattandosi di lavori di “estrema urgenza” funzionali all’adeguamento alla normativa antisismica in quanto edificio rilevante (allegato B_punto B.2.1.6 della delibera 1661 Regione Emilia Romagna_chiese ed edifici aperti al culto ed edificio facente parte del patrimonio culturale).

La procedura sarà aggiudicata secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo tenuto conto dei criteri tecnici e degli elementi dì valutazione di cui al successivo paragrafo 18.2, previa verifica dell’anomalia dell’offerta stessa ai sensi dell’art. 97 comma 3 del Codice.

L’appalto non è suddiviso in lotti in quanto lo stesso già rappresenta un unicum per tipologia di prestazioni e quindi, in quanto tale, funzionalmente ed economicamente non ulteriormente suddivisibile.

Il Responsabile Unico del procedimento, nel seguito R.U.P., ai sensi dell’art. 31 del Codice, è il Dott. Ing. Nicola Gambetti, dell’Ufficio Tecnico Amministrativo dell’Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio – via Cairoli, 30 – 44121 Ferrara – Tel. + 39 0532 228024 e-mail tecnicoamministrativo@diocesiferrara.it

Il contratto di appalto verrà stipulato con corrispettivo a misura, ai sensi dell’art. 148, comma 6, del Codice, secondo le modalità previste all’art. 3 del CSA.

Il tempo utile per ultimare i lavori è fissato in giorni 540 naturali e consecutivi, decorrenti dalla data del verbale di consegna degli stessi.

L’appalto è finanziato :
– dalla Regione Emilia Romagna per Euro 1.120.026,07 con visto di congruità PG/2020/0547992.U del 11/08/2020
– dalla CEI per Euro 420.000,00 numero pratica CEI :E/9835/2017

In totale quindi 1.540.026,07

L’importo a base di gara è pari ad Euro 1.130.925,15 [IVA esclusa] dei quali Euro 924.467,54 per lavori a misura soggetti a ribasso d’asta, ed Euro 206.457,61 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso d’asta. Ai sensi di quanto previsto dall’art. 23, comma 16 del Codice, l’incidenza del costo della manodopera risulta stimata in Euro 588.081,08 (pari al 52% dell’importo a base di gara).

I lavori sono riconducibili alla categoria prevalente OG 2 “Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela ai sensi delle disposizioni in materia di beni culturali e ambientali” di cui all’Allegato A del D.P.R. 5 ottobre 2010 n°207.

Sono previste lavorazioni scorporabili appartenenti alla :

–  categoria superspecialistica OS 2-A “Superfici decorate di beni immobili del patrimonio culturale e beni culturali mobili di interesse storico, artistico, archeologico ed etnoantropologico” di importo, comprensivo degli oneri per la sicurezza, pari a euro 385.231,37 con l’obbligo di qualificazione specifica.

–  categoria superspecialistica OS28 “impianti termici e di condizionamento, comprensivo degli oneri per la sicurezza, pari a euro 67.941,63 con l’obbligo di qualificazione specifica.

–  categoria superspecialistica OS30 “impianti interni elettrici, telefonici, radiofonici e televisivi, comprensivo degli oneri per la sicurezza, pari a euro 51.195,19 con l’obbligo di qualificazione specifica.

L’importo della categoria prevalente OG 2, comprensivo degli oneri della sicurezza e al netto dell’importo delle categorie scorporabili OS 2-A ,OS28, OS30 , ammonta ad Euro 626.556,97.

Il sopralluogo sulle aree e sugli immobili interessati dai lavori è facoltativo e vengono fissate le due seguenti date:

Lunedì 12 aprile 2021 ore 9.30

Lunedì 19 aprile 2021 ore 9.30

Per via dell’emergenza COVID le ditte che intendono partecipare al sopralluogo devono inviare una richiesta alle e- mail dei progettisti:

Arch. Giuseppe Camillo Santangelo: gc.santangelo@gmail.com Arch. Sonia Bottoni: arch.soniabottoni@gmail.com che, in base al numero delle richieste, vi comunicheranno l’orario e le modalità di visita in modo da non creare assembramenti .

Il plico contenente l’offerta e la documentazione richiesta, pena l’esclusione dalla gara, deve essere recapitato (a mezzo raccomandata o posta celere del servizio postale, mediante agenzia di recapito autorizzata, oppure tramite consegna a mani) entro le ore 12,00 del giorno 17-05-2021 esclusivamente al seguente indirizzo: Ufficio Tecnico Amministrativo dell’Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio – via Cairoli, 30 – 44121 Ferrara.

La consegna a mani dei plichi va effettuata presso l’Ufficio Tecnico Amministrativo dell’Arcidiocesi di Ferrara- Comacchio – via Cairoli, 30 – 44121 Ferrara negli orari di apertura al pubblico (lunedì-mercoledì-venerdì: dalle ore 9 alle ore 12;).


ELABORATI TECNICI – scaricabili al seguente link.


QUESITI DI GARA:

2021-04-07 Risposta quesiti gara

2021-04-08 Risposta quesiti gara

2021-04-28 Risposta quesiti di gara

04-05-2021 Risposta ai quesiti di gara

ATTENZIONE: scheda 5-Progetto di restauro dell’Edicola votiva su via Cavedone_REV

ATTENZIONE: Refuso nel disciplinare di gara per l’importo della fideiussione. Il reale importo per la fideiussione è € 22.618,50


AVVISO: L’apertura delle buste di gara si terrà in data 19-05-2021 c/o la Parrocchia dell’Immacolata, Piazzale Dante Alighieri, 38 – 44121 Ferrara dalle 9.30.

Allegati